Focus facsimile collegato lavoro

Published on novembre 25th, 2011 | by Administrator

0

Modello facsimile di lettera di risposta ai solleciti di Italia-programmi.net

Rendiamo di seguito disponibili il modello facsimile di lettera di risposta da inviare a Italia-programmi.net qualora si ritenga di aver effettuato la registrazione senza sapere di sottoscrivere un abbonamento.

Abbiamo individuato alcuni casi e preparato delle email di esempio; vi invitiamo a non fare copia e incolla, ma solo a trarne ispirazione. Seguono diversi modelli fac-simile, da utilizzarsi solo su consiglio e con l’assistenza di professionisti qualificati.


Caso 1: utenti che si sono registrati da meno di dieci giorni

Il consiglio è inviare una email all’indirizzo support@italia-programmi.net con cui si esercita il diritto di recesso. Ecco un esempio di email:

Oggetto: esercizio del diritto di recesso – diffida alla cancellazione dei dati personali

Testo: con la presente email esercito, ad ogni effetto di legge e senza nulla riconoscere, il diritto di recesso in relazione al contratto che asserite di aver concluso con il sottoscritto. Ritengo, comunque, che nessun valido contratto si sia comunque concluso e che nessun abbonamento possa ritenersi sussistente, per le motivazioni già espresse dall’Antitrust (cui mi riporto), e Vi invito e diffido a cancellare qualsiasi dato personale riferito, anche indirettamente, al sottoscritto e a darmene riscontro, ai sensi del d.lgs. 196/03.

Caso 2: utenti che si sono registrati da più di dieci giorni, prima del 29 agosto 2011, e hanno ricevuto una o più richieste da parte di Estesa Limited

Il consiglio è inviare una email all’indirizzo support@italia-programmi.net con cui si contestano le pretese di Estesa Limited e si esprime l’intenzione di segnalare la pratica commerciale scorretta e aggressiva all’Antitrust. È opportuno inviare apposita segnalazione all’Antitrust (i cui riferimenti sono indicati di seguito). Ecco il testo di esempio della email:

Oggetto: diffida

Testo: con la presente email Vi invito e diffido a non inviarmi alcuna richiesta di pagamento, poiché nessun valido contratto si è mai concluso con Voi e nessun abbonamento può ritenersi sussistente, per le motivazioni già espresse dall’Antitrust (cui mi riporto), e Vi invito e diffido a cancellare qualsiasi dato personale riferito, anche indirettamente, al sottoscritto, ai sensi del d.lgs. 196/03. Inoltre, mi riservo il diritto di segnalare la Vs. condotta all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato anche per la Vs. palese violazione del provvedimento emanato dalla medesima Autorità il 25 agosto 2011.

Caso 3: utenti che si sono registrati da più di dieci giorni, dopo il 29 agosto 2011, e hanno ricevuto una o più diffide da parte di Estesa Limited

Il consiglio è inviare una email all’indirizzo support@italia-programmi.net con cui si contestano le pretese di Estesa Limited e si afferma di segnalare la pratica commerciale scorretta e aggressiva all’Antitrust. Conviene, inoltre, inviare apposita segnalazione all’Antitrust. Ecco il testo di esempio della email:

Oggetto: diffida

Testo: con la presente email Vi invito e diffido a non inviarmi alcuna richiesta di pagamento, poiché nessun valido contratto si è mai concluso con Voi e nessun abbonamento può ritenersi sussistente, per le motivazioni già espresse dall’Antitrust (cui mi riporto), e Vi invito e diffido a cancellare qualsiasi dato personale riferito, anche indirettamente, al sottoscritto, ai sensi del d.lgs. 196/03.
Inoltre, provvederò a segnalare la Vs. condotta all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sia per la Vs. palese violazione del provvedimento emanato dalla medesima Autorità il 25 agosto 2011 sia per la pratica commerciale scorretta e aggressiva che ritengo sia stata posta in essere nei miei confronti.

Caso 4: utenti che hanno esercitato il diritto di recesso i quali continuano a ricevere diffide e/o solleciti da parte di Estesa Limited

Potete rispondere segnalando che avete esercitato il diritto di recesso e diffidando Estesa Limited dall’inviare ulteriori comunicazioni. Ovviamente, è opportuno segnalare tale condotta all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

 


About the Author



Back to Top ↑