GoogleLe attività nell’ufficio legale di Google non sono probabilmente molto meno intense di quelle prettamente tecnologiche e si svolgono ovunque: stavolta è il caso dell’Australia.

A quanto riporta ABC News, due agenti immobiliari australiani (Mark Forytarz e Paul Castran) hanno adito l’autorità giudiziaria perché mediante il noto motore di ricerca è possibile reperire articoli che li diffamerebbero.

In particolare, in uno di essi sarebbe scritto che il Sig. Forytarz avrebbe "convinto" una persona affetto da ritardo mentale a vendere la propria abitazione al fine di ottenere una provvigione di almeno 200.000 $. L’attore verrebbe quindi dipinto come persona priva di scrupoli e di qualsiasi deontologia professionale; ciò gli avrebbe provocato stress e umiliazioni.

Quanto al Sig. Castran, nelle pagine web presenti nel database di Google sarebbe scritto che avrebbe fatto uso di offerenti compiacenti allo scopo di gonfiare i prezzi degli immobili venduti.

Gli attori hanno affermato di aver chiesto al search engine in questione di rimuovere i contenuti contestati, ma senza esito.

La prossima udienza è fissata per marzo; ironicamente possiamo sperare che nell’attesa non vengano citati anche i produttori di computer dai quali ci si può connettere a Internet, gli access provider, ecc.!

Fonte: ABC News.

Ultimi aggiornamenti

spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]
cookie policy generator iubenda privacy
Navigando in rete, è diventata sempre più alta la probabilità di imbattersi in siti web del tutto diversi fra loro – sia perché i gestori dei siti sono diversi, sia perché diversi sono i contenuti all’interno della pagina stessa – ma che hanno una Privacy & […]
e-commerce sanzioni direttiva omnibus
Il già ampio novero di strumenti legislativi previsti a tutela dei diritti dei consumatori (ed imposti agli eCommerce) è stato recentemente arricchito dall’entrata in vigore della Direttiva Omnibus (direttiva (UE) 2019/2161 che modifica la direttiva 93/13/CEE del Consiglio e le direttive 98/6/CE, 2005/29/CE e 2011/83/UE del […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.