azureusDiversi provider rallentano o bloccano il traffico P2P dei propri clienti, spesso a loro insaputa. Ma ora c’è un plugin.

Molti Internet provider utilizzano tecnologie di traffic shaping per monitorare il traffico generato dai propri clienti e limitare o bloccare la banda se questi utilizzano programmi di file sharing.

Tale pratica è di dubbia liceità: i provider, infatti, non dovrebbero monitorare ciò che fanno i propri clienti e, quando forniscono la connessione ad Internet, non si capisce su quale base si arrogano il diritto di stabilire quali applicazioni sia realmente possibile utilizzare.

Alcuni provider chiariscono però tale aspetto prima della conclusione del contratto e dunque i dubbi giuridici sembra dissiparsi. Altri, però, limitano o bloccano effettivamente la banda e tale pratica sembra concretizzare una violazione contrattuale, anche se sempre più diffusa in ogni parte del mondo.

Certo, una parte del traffico è generata dall’illecita condivisione di materiale protetto da diritto d’autore, ma molte applicazioni perfettamente “legittime” si basano su protocolli di P2P e numerosi file sono legalmente scambiati sui network di file sharing.

Per rendere più agevole la vita ai propri utenti, Vuze, creatrice del noto programma di file sharing Azureus, ha sviluppato un plugin per tale software che dovrebbe aiutare gli utenti a capire se il proprio provider sta interferendo con il suo traffico P2P.

Azureus è uno dei client Bit Torrent più utilizzati (oltre 20 milioni di download, a quanto dichiarato da Vuze) e tale plugin può rendere più facile la vita ai propri utenti, anche se non li aiuterà a sollevare il problema. Certo, alcune opzioni del programma consentono di “mascherare” il traffico e di sfuggire alla pratica del traffic shaping, ma i più evoluti tool a disposizione dei provider sono idonei a smascherare il trucco.

Fonte: The Inquirer.

Ultimi aggiornamenti

youtube copyright ban strike
Non esiste content creator, youtuber o streamer di Twitch che non abbia mai usato una canzone, una foto, uno spezzone di un film o di un’altra opera di terzi in un proprio video. Eppure, proprio in relazione a questa pratica diffusissima, sono ad oggi innumerevoli i casi […]
Sommario: 1. Premessa 2. PC Gaming e console: sono “apparecchiature” da omologare? Quale legame hanno con la “pubblica sicurezza”? 3. L’impatto sulle sale LAN e sugli esports bar: ma anche su musei e altre attività 4. L’impatto sull’esport 5. La lacuna normativa italiana. Prospettive oltre la […]
server dati cloud azienda
Per un’azienda, è sempre più avvertita la necessità di poter integrare i sistemi di conservazione tradizionale dei dati, con vari tipi di soluzioni tecnologiche. Tra queste, le offerte proposte dal mercato digitale si concentrano principalmente su due tipologie, le soluzioni in cloud e quelle in azienda […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.