MicrosoftLo scorso febbraio Microsoft è stata multata dalla Commissione Europea per violazione della normativa antitrust con una sanzione molto pesante: ben 899.000.000 €. Ora, però, ha deciso di appellare questa decisione.

Microsoft era stata accusata di aver continuato ad abusare della sua posizione dominante nonostante una precedente condanna del marzo del 2004, con la quale era stata inflitta una sanzione di 497.000.000 € dovuta al fatto che la medesima azienda non aveva "divulgato la necessaria documentazione di interfaccia che dovrebbe permettere a gruppi di lavoro di altre società di assicurare, a prezzi ragionevoli, una piena interoperabilità col sistema Windows".

Microsoft non avrebbe, però, ottemperato agli obblighi di cui alla decisione del marzo 2004 entro il termine previsto del 22 ottobre 2007 imponendo "prezzi eccessivi e irragionevoli" per poter accedere alla propria documentazione informatica, rendendo più complicato il dialogo tra i propri sistemi e quelli di gruppi concorrenti.

Secondo la Commissione Europea, il colosso di Redmond si è reso colpevole di abuso di posizione dominante perché non ha fornito ai concorrenti le informazioni necessarie per assicurare l’interoperabilità e perché ha incorporato il programma Windows Media Player nel sistemi operativi della famiglia "Windows".

Un portavoce della Commissione Europea ha affermato che la sanzione irrogata a Microsoft è perfettamente legittima. Vedremo cosa dirà la Corte di Giustizia delle Comunità Europee.

Ultimi aggiornamenti

spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]
cookie policy generator iubenda privacy
Navigando in rete, è diventata sempre più alta la probabilità di imbattersi in siti web del tutto diversi fra loro – sia perché i gestori dei siti sono diversi, sia perché diversi sono i contenuti all’interno della pagina stessa – ma che hanno una Privacy & […]
e-commerce sanzioni direttiva omnibus
Il già ampio novero di strumenti legislativi previsti a tutela dei diritti dei consumatori (ed imposti agli eCommerce) è stato recentemente arricchito dall’entrata in vigore della Direttiva Omnibus (direttiva (UE) 2019/2161 che modifica la direttiva 93/13/CEE del Consiglio e le direttive 98/6/CE, 2005/29/CE e 2011/83/UE del […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.