Microsoft risponde a GoogleDopo la dura presa di posizione di Google circa l’offerta di acquisizione di Yahoo! da parte di Microsoft, la risposta di quest’ultima non si è fatta attendere.

Secondo Brad Smith, general counsel di Microsoft, l’eventuale acquisizione avrebbe una sicura utilità: la creazione di un mercato molto più competitivo grazie alla creazione di un "numero due" nella ricerca e nella pubblicità on line. Difatti, al momento la posizione dominante sul web non è di Microsoft, bensì della stessa Google; secondo i dati riportati da Smith, il 65% delle ricerche on line effettuate negli Stati Uniti è svolta proprio tramite Google; la percentuale sale addirittura all’85% in Europa. Yahoo! e Microsoft, considerate insieme, hanno percentuali ben più basse: rispettivamente, il 30% e il 10%.

A quanto si legge nel comunicato, Microsoft garantisce apertura e innovazione, nonché la protezione della privacy su Internet. In queste parole è implicito il riferimento alle accuse mosse da più parti a Google di violare la privacy dei propri utenti. Bisogna però rilevare che anche Microsoft è stata spesso accusata di violare la riservatezza dei propri utenti (basti ricordare, fra gli altri, il problema dell’identificazione univoca del lettore multimediale presente di default in Windows XP).

Microsoft spera che l’acquisizione si concluda positivamente nella seconda metà del 2008. Nell’interesse di tutti, però, la lotta fra questi colossi dovrebbe essere combattuta "sul campo", con prodotti sempre più attenti alle esigenze (e ai diritti) degli utenti, e non con operazioni finanziarie.

Fonte: Microsoft.

Ultimi aggiornamenti

spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]
cookie policy generator iubenda privacy
Navigando in rete, è diventata sempre più alta la probabilità di imbattersi in siti web del tutto diversi fra loro – sia perché i gestori dei siti sono diversi, sia perché diversi sono i contenuti all’interno della pagina stessa – ma che hanno una Privacy & […]
e-commerce sanzioni direttiva omnibus
Il già ampio novero di strumenti legislativi previsti a tutela dei diritti dei consumatori (ed imposti agli eCommerce) è stato recentemente arricchito dall’entrata in vigore della Direttiva Omnibus (direttiva (UE) 2019/2161 che modifica la direttiva 93/13/CEE del Consiglio e le direttive 98/6/CE, 2005/29/CE e 2011/83/UE del […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.