No a Microsoft?L’offerta di acquisizione di Yahoo! effettuata da Microsoft ha suscitato molto scalpore: a breve forse potrebbe essere chiaro il suo esito.

A quanto riporta il Wall Street Journal, infatti, il consiglio di amministrazione di Yahoo avrebbe deciso deciso di respingere la tanto contestata offerta dopo lo svolgimento di diverse riunioni.

In particolare, sembra che l’offerta di Microsoft (44,6 milioni di dollari) sia stata considerata troppo bassa: essa, infatti, è basata su un prezzo di 31$ per azione, ma Yahoo si rifiuterebbe di prendere in considerazione qualsiasi offerta inferiore a 40$ per azione. Qualora il colosso di Redmond operasse un simile rialzo, la cifra complessiva salirebbe a oltre 56 milioni di dollari.

Proprio oggi il consiglio di amministrazione di Yahoo dovrebbe inviare una lettera a Microsoft ove viene delineato tale scenario; forse, come ipotizza l’autorevole quotidiano, i vertici di Yahoo sono convinti che il potenziale acquirente non forzerà la mano tentando comunque di acquistarla nononostante il parere contrario del consiglio di amministrazione e dei suoi manager.

Fonte: Wall Street Journal.

Ultimi aggiornamenti

youtube copyright ban strike
Non esiste content creator, youtuber o streamer di Twitch che non abbia mai usato una canzone, una foto, uno spezzone di un film o di un’altra opera di terzi in un proprio video. Eppure, proprio in relazione a questa pratica diffusissima, sono ad oggi innumerevoli i casi […]
Sommario: 1. Premessa 2. PC Gaming e console: sono “apparecchiature” da omologare? Quale legame hanno con la “pubblica sicurezza”? 3. L’impatto sulle sale LAN e sugli esports bar: ma anche su musei e altre attività 4. L’impatto sull’esport 5. La lacuna normativa italiana. Prospettive oltre la […]
server dati cloud azienda
Per un’azienda, è sempre più avvertita la necessità di poter integrare i sistemi di conservazione tradizionale dei dati, con vari tipi di soluzioni tecnologiche. Tra queste, le offerte proposte dal mercato digitale si concentrano principalmente su due tipologie, le soluzioni in cloud e quelle in azienda […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.