No a Microsoft?L’offerta di acquisizione di Yahoo! effettuata da Microsoft ha suscitato molto scalpore: a breve forse potrebbe essere chiaro il suo esito.

A quanto riporta il Wall Street Journal, infatti, il consiglio di amministrazione di Yahoo avrebbe deciso deciso di respingere la tanto contestata offerta dopo lo svolgimento di diverse riunioni.

In particolare, sembra che l’offerta di Microsoft (44,6 milioni di dollari) sia stata considerata troppo bassa: essa, infatti, è basata su un prezzo di 31$ per azione, ma Yahoo si rifiuterebbe di prendere in considerazione qualsiasi offerta inferiore a 40$ per azione. Qualora il colosso di Redmond operasse un simile rialzo, la cifra complessiva salirebbe a oltre 56 milioni di dollari.

Proprio oggi il consiglio di amministrazione di Yahoo dovrebbe inviare una lettera a Microsoft ove viene delineato tale scenario; forse, come ipotizza l’autorevole quotidiano, i vertici di Yahoo sono convinti che il potenziale acquirente non forzerà la mano tentando comunque di acquistarla nononostante il parere contrario del consiglio di amministrazione e dei suoi manager.

Fonte: Wall Street Journal.

Ultimi aggiornamenti

ransomware data breach pa azienda cosa fare
Il recentissimo attacco subìto dal sito del Comune di Palermo, con notevole esfiltrazione di dati (poi pubblicati online), è solo l’ultimo in ordine di tempo di una lunga scia contro le infrastrutture informatiche, pubbliche o private, italiane. Non più tardi di due mesi fa, infatti, lo […]
L’incertezza degli ultimi anni ha incrementato significativamente la complessità dei rapporti tra aziende e fornitori, mettendo in luce l’importanza di tecniche di approvvigionamento efficienti ed efficaci. Nel gergo aziendalistico, il processo di reperimento dei beni e servizi necessari al funzionamento dell’impresa viene chiamato procurement. Si tratta […]
linee guida accessibilità app norma
L’accessibilità degli strumenti informatici è la capacità degli stessi di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di soggetti portatori di disabilità, eventualmente predisponendo le tecnologie o configurazioni particolari necessarie (c.d. tecnologie assistive). Si tratta, com’è ovvio, di un tema di particolare […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.