ip address: dato personale?Secondo alcuni, l’Unione Europea potrebbe considerare gli indirizzi IP dati personali, e per Google non dovrebbe farlo. Ma è veramente così?

Il sito Ars Technica, in particolare, riporta che l’UE sta lavorando su una modifica al quadro normativo comunitario in base alla quale gli IP addresses diverrebbero dati personali a tutti gli effetti. Tale articolo è stato sollecitato da un post sul “Google Public Policy Blog” a firma di Alma Whitten, software engineer di Google.

Prima di valutare se ciò che ha riportato il noto sito statunitense sia corretto, soffermiamoci sul post di Alma Whitten, che, nel suo discorso, parte da considerazioni di carattere tecnico. L’indirizzo IP è l’indirizzo di un computer collegato ad Internet, la cui esistenza è dovuta al fatto che esso consente di far giungere dati a tale computer. Ad esempio, quando Google deve inviare i risultati della ricerca ad un computer, ha bisogno del suo indirizzo IP per poterli inviare al computer giusto.

Gl indirizzi dinamici vengono utilizzati per identificare dispositivi non permanenti, come i normali personal computer. Gli Internet Service Provider utilizzano l’allocazione dinamica per assegnare un ristretto numero di indirizzi ad una vasta clientela.

Partendo da questa considerazione, Whitten sottolinea che l’indirizzo IP assegnato ad un computer può essere assegnato a diversi altri nel corso di una settimana, e lo stesso computer può avere diversi indirizzi IP anche in solo giorno, soprattutto se è un computer portatile. Inoltre, quando più computer condividono una connessione ad Internet, più persone condividono il medesimo indirizzo IP.

Secondo Whitten, solo in alcuni casi l’indirizzo IP può essere considerato un dato personale: ad esempio, quando un Internet Service Provider assegna tale indirizzo al computer di un suo cliente. In linea di massima, però, non lo è, in quanto senza informazioni addizionali non è possibile identificare nessuno.

Indipendentemente dalle valutazioni del post di cui si è detto, è bene sottolineare che in Europa l’indirizzo IP è, da un punto di vista giuridico, un dato personale!

In tal senso, infatti, dispone l’art. 2, comma 1, lett. a, della direttiva 95/46/CE: “qualsiasi informazione concernente una persona fisica identificata o identificabile (“persona interessata”); si considera identificabile la persona che può essere identificata, direttamente o indirettamente, in particolare mediante riferimento ad un numero di identificazione o ad uno o più elementi specifici caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, psichica, economica, culturale o sociale”.

Nel Codice della privacy, la norma corrispondente è l’art. 4, comma 1, lett. b: “qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale”.

Le norme citate sono chiarissime: l’indirizzo Ip è una informazione che può consentire l’identificazione di una persona (fisica o giuridica, ente o associazione). Google dovrebbe sperare in una modifica legislativa…ma non sembra che ciò possa avvenire, fortunatamente!

Ultimi aggiornamenti

ransomware data breach pa azienda cosa fare
Il recentissimo attacco subìto dal sito del Comune di Palermo, con notevole esfiltrazione di dati (poi pubblicati online), è solo l’ultimo in ordine di tempo di una lunga scia contro le infrastrutture informatiche, pubbliche o private, italiane. Non più tardi di due mesi fa, infatti, lo […]
L’incertezza degli ultimi anni ha incrementato significativamente la complessità dei rapporti tra aziende e fornitori, mettendo in luce l’importanza di tecniche di approvvigionamento efficienti ed efficaci. Nel gergo aziendalistico, il processo di reperimento dei beni e servizi necessari al funzionamento dell’impresa viene chiamato procurement. Si tratta […]
linee guida accessibilità app norma
L’accessibilità degli strumenti informatici è la capacità degli stessi di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di soggetti portatori di disabilità, eventualmente predisponendo le tecnologie o configurazioni particolari necessarie (c.d. tecnologie assistive). Si tratta, com’è ovvio, di un tema di particolare […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.