privacyIl 16 dicembre è stato pubblicato un interessante studio nell’ambito del PEW Internet & American Life Project, intitolato "Digital Footprints: Online identity management and search in the age of transparency". Da esso emergono dati interessanti:

il 47% degli utilizzatori di Internet intervistati ha dichiarato di aver cercato informazioni su se stessi (5 anni fa il dato era pari al 22%); il 3% di essi svolge tali ricerche abitualmente e il 74% una o due volte in assoluto.

E’ interessante notare che ben il 60% degli intervistati ha dichiarato di non preoccuparsi della presenza di dati personali reperibili on line. Solo nel 38% dei casi si è affermato di aver cercato di ridurre la presenza di informazioni personali sul web.

Appare chiaro, dunque, che molti non si curano della propria privacy e, magari, sono anche felici di apparire on line: ciò è chiaramente comprensibile se i dati vengono posti on line per promuovere la propria attività (professionale o ludica che sia); meno comprensibile appare, invece, la scarsa considerazione del diritto alla privacy da parte di chi nulla può ricavare da una presenza nel cyberspazio. Se, generalmente, le conseguenze sono di poco conto o non sono avvertibili, esse si fanno sentire quando il dato personale diffuso è il proprio indirizzo email, con conseguente invasione di spam.

 

Ultimi aggiornamenti

ransomware data breach pa azienda cosa fare
Il recentissimo attacco subìto dal sito del Comune di Palermo, con notevole esfiltrazione di dati (poi pubblicati online), è solo l’ultimo in ordine di tempo di una lunga scia contro le infrastrutture informatiche, pubbliche o private, italiane. Non più tardi di due mesi fa, infatti, lo […]
L’incertezza degli ultimi anni ha incrementato significativamente la complessità dei rapporti tra aziende e fornitori, mettendo in luce l’importanza di tecniche di approvvigionamento efficienti ed efficaci. Nel gergo aziendalistico, il processo di reperimento dei beni e servizi necessari al funzionamento dell’impresa viene chiamato procurement. Si tratta […]
linee guida accessibilità app norma
L’accessibilità degli strumenti informatici è la capacità degli stessi di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di soggetti portatori di disabilità, eventualmente predisponendo le tecnologie o configurazioni particolari necessarie (c.d. tecnologie assistive). Si tratta, com’è ovvio, di un tema di particolare […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.