telefonoI disservizi telefonici possono essere di vario tipo: attivazione di servizi non voluti, omessa o ritardata portabilità di un numero, omessa indicazione negli elenchi telefonici, malfunzionamento dei servizi di telefonia, ecc. In questi casi, a volte gli utenti non ricevono indennizzi (ad es., se non li richiedono). Ma presto essi potrebbero essere definiti con chiarezza ed essere più veloci per gli utenti dei servizi telefonici, oltre che erogati in automatico per i servizi di base.


L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) ha infatti indetto una consultazione pubblica riguardante la misura minima degli indennizzi che gli operatori di comunicazioni elettroniche debbono corrispondere agli utenti che lamentino un disservizio. L’obiettivo è avere un indennizzo certo, veloce e automatico.

Oltre all’indicazione dell’importo delle somme stabilite per le varie fattispecie (esposta nella tabella in calce all’articolo), lo schema di provvedimento contiene anche la proposta di indennizzo automatico, mediante accredito nella successiva fattura, per la sospensione illegittima e la ritardata attivazione dei servizi di base, ad esempio del servizio di telefonia o ADSL.

Tra le novità, inoltre, l’introduzione di una misura minima di indennizzo con riferimento ad alcune ipotesi quali l’attivazione di servizi accessori o profili tariffari non richiesti e la perdita del numero.

Come si può notare, alcuni indennizzi per la clientela business degli operatori di telefonia sono maggiori rispetto a quelli residenziali. Ciò è dovuto sia al fatto che sovente i primi sostengono costi maggiori sia alla circostanza che potrebbero subire maggiori disagi per i disservizi telefonici.

Le proposte poste a consultazione pubblica sono state illustrate il 21 aprile 2010 alle Associazioni dei consumatori nell’ambito di una riunione del Tavolo di confronto tenutasi presso l’AGCOM. Le Associazioni si sono riservate di far pervenire all’Autorità i loro commenti.

Ecco la tabella:

Fattispecie

Indennizzo

Omessa o ritardata attivazione del servizio

euro 7,50 per ogni giorno di ritardo (1,3)

Sospensione o cessazione del servizio

euro 10,00 per ogni giorno di sospensione, minimo euro 100,00 (1,4)

Malfunzionamento del servizio

euro 5,00 per ogni giorno di interruzione (1)

Omessa o ritardata portabilità del numero

euro 5,00 per ogni giorno di ritardo (1)

Attivazione o disattivazione non richiesta della prestazione di carrier selection o carrier pre-selection

euro 2,50 per ogni giorno di attivazione o disattivazione

Attivazione di servizi accessori o profili tariffari non richiesti

euro 1,00 per ogni giorno di attivazione, min. euro 50 max 300

Perdita della numerazione per causa imputabile all’operatore

euro 100,00 per ogni anno di precedente utilizzo del numero (2)

Omessa o errata indicazione negli elenchi telefonici pubblici

euro 200,00 per ogni anno di disservizio (2)

Mancata o ritardata risposta ai reclami

euro 2,00 per ogni giorno di ritardo, minimo euro 20,00, max euro 400

(1) Il doppio per utenza “affari”

(2) Il quadruplo per utenza “affari”

(3) Un terzo se il servizio interessato è di tipo “accessorio”

(4) Un quarto se il servizio interessato è di tipo “accessorio”

Ultimi aggiornamenti

youtube copyright ban strike
Non esiste content creator, youtuber o streamer di Twitch che non abbia mai usato una canzone, una foto, uno spezzone di un film o di un’altra opera di terzi in un proprio video. Eppure, proprio in relazione a questa pratica diffusissima, sono ad oggi innumerevoli i casi […]
Sommario: 1. Premessa 2. PC Gaming e console: sono “apparecchiature” da omologare? Quale legame hanno con la “pubblica sicurezza”? 3. L’impatto sulle sale LAN e sugli esports bar: ma anche su musei e altre attività 4. L’impatto sull’esport 5. La lacuna normativa italiana. Prospettive oltre la […]
server dati cloud azienda
Per un’azienda, è sempre più avvertita la necessità di poter integrare i sistemi di conservazione tradizionale dei dati, con vari tipi di soluzioni tecnologiche. Tra queste, le offerte proposte dal mercato digitale si concentrano principalmente su due tipologie, le soluzioni in cloud e quelle in azienda […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.