truffa_on_lineApplecare, l’estensione di garanzia a 3 anni per computer e altri prodotti Apple, è spesso in vendita su eBay a prezzi molto convenienti. E’ un truffa oppure un affare?

Apple, garanzia e Applecare

La garanzia dei prodotti Apple dura, di norma, 1 anno. Chiaramente, a tale garanzia si aggiunge quella legale di 2 anni per difetti di conformità ma, è bene ricordarlo, tale garanzia biennale può essere fatta valere solo nei confronti del venditore del prodotto.

La garanzia annuale offerta da Apple può essere estesa a tre anni mediante l’acquisto della ben nota Applecare (purché ciò avvenga nel primo anno di vita del prodotto). I prezzi di Applecare cambiano in base al prodotto che si intende tutelare, per cui è chiaro che l’estensione di garanzia per un Macbook Pro 17 avrà un costo maggiore di quella relativa al “classico” Macbook.

Applecare, però, non è offerta a prezzi particolarmente contenuti: ad esempio, a tutt’oggi, la garanzia per i Macbook 13,3 (MacBook, MacBook Air, MacBook Pro 13) costa 249,00 euro:

applecare_ebay_macbook

e quella per i MacBook Pro 17 349,00 euro:

applecare_ebay_macbookpro

E su Ebay?

Applecare su eBay

Basta effettuare una semplice ricerca su eBay per trovare molte Applecare in vendita a prezzi molto convenienti, almeno in apparenza. L’Applecare venduta da Apple o dai suoi rivenditori è corredata di una confezione sigillata; in molti casi, su eBay diversi venditori non offrono il prodotto in scatola, ma inviano un codice via email, da utilizzare poi sul sito Apple per attivare l’Applecare. Tutta la procedura avviene on line e poi si può ricevere via email o in forma cartacea il certificato che dimostra che un determinato prodotto Apple è coperto da Applecare per 3 anni.

Generalmente, concluso (e pagando l’acquisto), chi vende i codici Applecare su eBay invia un’email con il codice da utilizzare sul sito Apple per registrare un prodotto. Sino a pochi mesi fa, generalmente non vi erano problemi. Ma in più occasioni Apple non sembra accontentarsi più del codice e chiede anche l’invio di:
– il numero seriale dell’Applecare acquistata (presente nella confezione);

oppure

– la ricevuta d’acquisto (non valgono come tali un documento di aggiornamento dello status dell’ordine, una notifica di spedizione o una ricevuta via email che può essere modificata).

In altri termini, Apple vuole essere sicura che Applecare sia venduta da essa o dai suoi rivenditori non autorizzati. E, probabilmente, vuole arginare il fenomeno di vendita di codici Applecare su eBay (e su altri canali), dal momento che, in ipotesi, è possibile generare tali codici con key-generator. Chiaramente, l’unico modo per essere sicuri di effettuare un valido acquisto (e non rimetterci soldi) è acquistare il prodotto originale, inscatolato e sigillato.

Conclusioni

Bisogna essere molto cauti nell’acquisto di Applecare su Ebay. Per essere sicuri di non ricevere brutte sorprese, è consigliabile acquistare una Applecare inscatolata e sigillata, in modo da non avere brutte sorprese nell’ipotesi in cui sia necessario usufruirne. Ovviamente, comprare l’Applecare su eBay non è un problema, qualora, per l’appunto, si possa avere la confezione originale del prodotto. Il problema può verificarsi nell’acquisto del semplice codice di attivazione (prassi abbastanza ricorrente proprio su eBay), che può portare Apple a rifiutare l’estensione della garanzia.

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.