baiduIl motore di ricerca Baidu, anche se poco conosciuto in Italia, è il più serio avversario di Google in un paese molto importante: la Cina.

Sulla strada di Baidu, però, si sono poste Universal Music, Sony BMG e Warner Music, che hanno citato in giudizio il motore di ricerca perché consentirebbe generalizzate violazioni del copyright. In un caso leggermente diverso già un altro motore di ricerca era stato condannato da giudici cinesi perché offriva un servizio di ricerca di musica: il "malcapitato" era il servizio Music Search di Yahoo.

A quanto riportato dalla International Federation of the Phonographic Industry (IFPI), le 3 major hanno intrapreso una simile azione giudiziaria contro un altro motore di ricerca, ossia Sogou. La posizione della IFPI è molto critica nei confronti dello stato cinese e della sua industria musicale, poiché i "furti" di musica protetta da copyright è così sistematico che impedirebbe la nascita di partnership fra aziende musicali e tecnologiche. Secondo le stime fornite dalla stessa IFPI, ben il 99% della musica distribuita in cina è pirata.

La pirateria è sicuramente un male e i numeri forniti dalla IFPI sono certamente impressionati. Dobbiamo però precisare che i coloriti termini usati non solo dalla IFPI sono scorretti: nei casi denunciati non si verificano furto, bensì violazioni del copyright. E le fattispecie sono diverse!

Fonte: PC World.

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.