logo sony bmgLe sempre discusse tecnologie di Digital Rights Management (DRM) potrebbero presto ridurre la propria diffusione: sembra, infatti, che la nota casa discografica Sony BGM non le utilizzerà più a partire da quest’anno.

A quanto riporta BusinessWeek, almeno una parte dei brani messi in vendita dalla nota casa discografica non sarà protetta mediante l’utilizzo di sistemi di gestione digitale dei diritti, ma maggiori notizie si sapranno nelle prossime settimane.

Molti ricorderanno la pessima figura che diverso tempo fa aveva fatto proprio la Sony BMG inserendo un famigerato rootkit in numerosi compact disc contenenti brani musicali. Una volta inserito il disco in qualsiasi lettore CD-ROM o DVD-ROM di un personal computer, infatti, si avviava automaticamente – e all’insaputa dell’utilizzatore – un rootkit. Esso, oltretutto, ha provocato numerosi malfunzionamenti nelle macchine dei malcapitati utenti.

Il cambio di rotta da parte della Sony BMG potrebbe essere un ulteriore segnale del progressivo disinteressamento delle major verso i sistemi di DRM, i quali, più che tutelare i diritti dei detentori dei diritti patrimoniali d’autore, infrangevano e infrangono quelli dei legittimi acquirenti.

Fonte: BusinessWeek.

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.