torrentUn giudice californiano ha condannato TorrentSpy, il celebre motore di ricerca per file Torrent, a pagare una cifra esorbitante alla MPAA (Motion Picture Association of America): ben 110 milioni di dollari perché avrebbe violato il copyright di migliaia di film e telefilm.

 

La MPAA riunisce i produttori di film, telefilm e show televisivi. Nel 2006 ha fatto causa a TorrentSpy perché avrebbe contribuito alla violazione online del copyright aiutando le persone a scaricare illegalmente film, telefilm e show televisivi.

Nel corso del processo TorrentSpy ha distrutto alcune prove, fra cui l’elenco degli utenti e dei loro indirizzi IP per tutelarne la privacy, ed è stata condannata ad una multa di 30.000 $. Per evitare ulteriori problemi, il 24 marzo 2008 TorrentSpy, tra l’altro, ha definitivamente chiuso.

Ora, però, è arrivata la condanna al maxi risarcimento. Il giudice ha fatto questo semplice calcolo “equitativo”: 30.000 $ per ogni violazione, moltiplicati per 3.699 film e telefilm: dunque 110.970.000…

Secondo il CEO di MPAA, Dan Glickman, l’esito di questo processo costituirà un avvertimento a tutti gli altri motori di ricerca specializzati nel P2P. Anche se è difficile che questi soldi saranno incassati, i gestori di altri motori di ricerca potrebbero “spaventarsi” e chiudere: probabilmente questa era lo scopo principale della stessa MPAA.

L’avvocato di TorrentSpy, prima della condanna, aveva affermato che avrebbero appellato una eventuale decisione negativa… speriamo che in tal caso a TorrentSpy vada meglio!

Ultimi aggiornamenti

cookie rtd privacy conservazione 2022
Rischio di sanzioni in tema Privacy per il 2022 La forte digitalizzazione degli ultimi anni – sia nell’ambito della Pubblica Amministrazione che nelle aziende private – ha determinato, da una parte, il sorgere di nuove figure, quali ad esempio il Responsabile per la transizione digitale e […]
auth code dns url
Recupero Auth Code e trasferimento del dominio Il nome a dominio consiste nella unione di lettere, numeri e altri caratteri speciali di cui l’utente che ne richiede la registrazione diventa legittimo titolare. Pertanto, quest’ultimo può svolgere una serie di attività con il suddetto, tra cui il […]
Novità sul controllo del Green Pass al lavoro La Camera dei deputati ha approvato definitivamente alcuni emendamenti, già passati al Senato, al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 127 del 2021 (in scadenza il 20/11/2021), decreto che aveva introdotto le attività di verifica del […]
kit green pass
DL n. 127/2021: il Green Pass e le misure organizzative del datore di lavoro Il 21 settembre 2021, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto-legge n. 127 che ha esteso l’obbligatorietà dell’uso del Green Pass anche al mondo del lavoro, a partire dal […]
L’obbligo di specificare i dati raccolti dalle app su Play Store Lo scorso maggio, Google ha annunciato una novità in tema di tutela degli utenti, in particolare in merito alla sicurezza dei loro dati e della loro privacy. Proprio come succede già sulla Piattaforma di iPhone […]