apple ipodUna nuova class action è stata intrapresa in California: oggetto del contendere è il monopolio di fatto della Apple nel settore della musica digitale. L’accusa è giustificata?

Secondo essa, la condotta della Apple sarebbe illecita poiché forzerebbe l’accoppiata iPod e iTunes Music Store fornendo la musica nel formato proprietario AAC protetto mediante la tecnologia Fairplay. In tal modo, gli acquirenti dell’iPod devono acquistare necessariamente i brani su iTunes, se vogliono usufrurire di brani protetti (ovviamente se non disponibili in altri formati), mentre chi vuole acquistare sul negozio iTunes è portato ad acquistare un iPod se vuole poi ascoltare i brani legittimamente acquistati su un lettore musicale portatile.

Inoltre, la Apple è accusata di non supportare deliberatamente i formati concorrenti, e in particolare al Windows Media Audio (WMA), perché non sbloccherebbe il supporto ad esso nei firmware dei vari iPod, nonostante esso sarebbe supportato nativamente dal chipset delle varie versioni del lettore musicale prodotto dalla casa della mela morsicata.

Vedremo cosa decideranno i giudici californiani; quanto affermato nella class action non sembra, però, giustificabile e le scelte operate dalla Apple sembrano rientrare in quella sfera di scelte non sindacabili che ciascuna azienda può porre in essere per conservare ed espandere la propria quota di mercato.

Fonte: Appleinsider.

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.