FacebookIn Marocco un ingegnere è stato condannato a 3 anni di reclusione con l’accusa di aver commesso un "furto di identità" utilizzando Facebook. Vediamo perché.

Fouad Mourtada, questo il nome del condannato, è stato arrestato il 5 febbraio con l’accusa di aver "rubato" l’identità del principe Moulay Rachid, fratello più giovane del Re Mohammed VI. Ciò mediante la creazione di un profilo fittizio sul noto sito Facebook.

L’accusa ha chiesto una condanna esemplare: e sembra che il Tribunale di Casablanca abbia acconsentito, poiché alla condanna di 3 anni di reclusione si è accompagnata, inoltre, una multa di circa 1.000 euro, che ovviamente sono ben poca cosa rispetto alla privazione della libertà per un tempo non indifferente.

Ora la famiglia dell’ing. Mourtada chiede clemenza nei suoi confronti: è stata infatti inviata una lettera al principe "offeso" e la battaglia si sposta anche sul web, mediante la creazione di un apposito sito. Oltretutto, il condannato ha affermato di aver subito un arresto molto violento: sarebbe stato bendato e percosso sino a perdere conoscenza.

Chiaramente nulla può giustificare simili atti di violenza (se effettivamente commessi) e la pena è probabilmente esagerata. Bisogna stare, comunque, bene attenti sul web: la realtà "virtuale" è sempre parte del mondo "reale", e le regole giuridiche si applicano in entrambi.

 

 

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.