FacebookIn Marocco un ingegnere è stato condannato a 3 anni di reclusione con l’accusa di aver commesso un "furto di identità" utilizzando Facebook. Vediamo perché.

Fouad Mourtada, questo il nome del condannato, è stato arrestato il 5 febbraio con l’accusa di aver "rubato" l’identità del principe Moulay Rachid, fratello più giovane del Re Mohammed VI. Ciò mediante la creazione di un profilo fittizio sul noto sito Facebook.

L’accusa ha chiesto una condanna esemplare: e sembra che il Tribunale di Casablanca abbia acconsentito, poiché alla condanna di 3 anni di reclusione si è accompagnata, inoltre, una multa di circa 1.000 euro, che ovviamente sono ben poca cosa rispetto alla privazione della libertà per un tempo non indifferente.

Ora la famiglia dell’ing. Mourtada chiede clemenza nei suoi confronti: è stata infatti inviata una lettera al principe "offeso" e la battaglia si sposta anche sul web, mediante la creazione di un apposito sito. Oltretutto, il condannato ha affermato di aver subito un arresto molto violento: sarebbe stato bendato e percosso sino a perdere conoscenza.

Chiaramente nulla può giustificare simili atti di violenza (se effettivamente commessi) e la pena è probabilmente esagerata. Bisogna stare, comunque, bene attenti sul web: la realtà "virtuale" è sempre parte del mondo "reale", e le regole giuridiche si applicano in entrambi.

 

 

Ultimi aggiornamenti

spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]
cookie policy generator iubenda privacy
Navigando in rete, è diventata sempre più alta la probabilità di imbattersi in siti web del tutto diversi fra loro – sia perché i gestori dei siti sono diversi, sia perché diversi sono i contenuti all’interno della pagina stessa – ma che hanno una Privacy & […]
e-commerce sanzioni direttiva omnibus
Il già ampio novero di strumenti legislativi previsti a tutela dei diritti dei consumatori (ed imposti agli eCommerce) è stato recentemente arricchito dall’entrata in vigore della Direttiva Omnibus (direttiva (UE) 2019/2161 che modifica la direttiva 93/13/CEE del Consiglio e le direttive 98/6/CE, 2005/29/CE e 2011/83/UE del […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.