marchio_digitaleIl marchio identifica i prodotti di una determinata impresa, creando un legame molto stretto: si pensi che fino a pochi anni fa era vietato cedere il marchio senza l’azienda o un ramo di essa. Ora questo divieto è venuto meno, dando la facoltà di vendere il marchio indipendentemente dall’azienda: il marchio, però, può essere concesso in licenza, con apposito contratto (contratto di licensing o di licenza).

 


Com’è noto, con la registrazione, il titolare del marchio acquista il diritto al suo utilizzo esclusivo, impedendo ad altri di servirsene; il titolare può comunque decidere di autorizzare un terzo ad utilizzare il suo marchio, concedendolo in licenza. Il primo soggetto è detto licenziante, il secondo licenziatario. Il licenziante rimane l’unico titolare della registrazione del marchio, quindi il proprietario dello stesso. La durata del contratto di licenza può essere scelta dalle parti. Il licenziante corrisponde al licenziatario come corrispettivo una percentuale delle somme ricavate dalla vendita dei prodotti coperti dal contratto di licenza.

La licenza di marchio può essere totale (cioè riguardare tutti i prodotti per i quali il marchio è stato registrato) o parziale (solo alcuni prodotti identificati con quel marchio); relativa all’intero territorio o solo di alcune zone; infine esclusiva (un solo licenziatario potrà usare il marchio per quei prodotti in un dato territorio) o non esclusiva (il medesimo marchio viene utilizzato da più licenziatari, anche per lo stesso prodotto e nel medesimo territorio).
Al fine di tutelare i consumatori, la legge impone che dal trasferimento e dalla licenza di marchio non derivi inganno nei caratteri dei prodotti o servizi essenziali nell’apprezzamento del pubblico.

Il licenziante ha un potere di controllo abbastanza ampio, anche in ordine al mantenimento degli standard qualitativi. Per evitare che l’attività del licenziatario danneggi il valore del marchio, il licenziante ha diverse facoltà, come quelle di controllare: la qualità utilizzata all’interno del ciclo produttivo; le modalità di utilizzo del marchio; i prezzi, la distribuzione e la pubblicità. Il licenziatario, inoltre, ha il dovere di seguire le direttive impartitegli in attuazione di un progetto creativo unitario.

marchio_registrato

Ultimi aggiornamenti

auth code dns url
Recupero Auth Code e trasferimento del dominio Il nome a dominio consiste nella unione di lettere, numeri e altri caratteri speciali di cui l’utente che ne richiede la registrazione diventa legittimo titolare. Pertanto, quest’ultimo può svolgere una serie di attività con il suddetto, tra cui il […]
Novità sul controllo del Green Pass al lavoro La Camera dei deputati ha approvato definitivamente alcuni emendamenti, già passati al Senato, al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 127 del 2021 (in scadenza il 20/11/2021), decreto che aveva introdotto le attività di verifica del […]
kit green pass
DL n. 127/2021: il Green Pass e le misure organizzative del datore di lavoro Il 21 settembre 2021, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto-legge n. 127 che ha esteso l’obbligatorietà dell’uso del Green Pass anche al mondo del lavoro, a partire dal […]
L’obbligo di specificare i dati raccolti dalle app su Play Store Lo scorso maggio, Google ha annunciato una novità in tema di tutela degli utenti, in particolare in merito alla sicurezza dei loro dati e della loro privacy. Proprio come succede già sulla Piattaforma di iPhone […]
google agcm
Google nuovamente sanzionata da AGCM L’AGCM, Autorità del Garante della Concorrenza e del Mercato, con il bollettino n. 38 del 27 settembre 2021, ha sanzionato il colosso di Mountain View affermando che alcune clausole all’interno dei Termini di Servizio di Google Drive sono lesive dei diritti […]