albergoTutela della privacy in albergo: il Garante ha ribadito che è vietato "spiare" i gusti dei clienti e che occorre un consenso specifico del cliente per l’uso dei dati a fini di marketing.

Gli hotel, infatti, anche quando raccolgono via web – a fini di marketing – informazioni su gusti abitudini o preferenze dei clienti, devono richiedere uno specifico consenso per poter utilizzare tali informazioni.

Inoltre, per le finalità di marketing e di promozione commerciale la richiesta di consenso deve essere chiaramente distinta dal resto della scheda normalmente utilizzata per la raccolta dei dati ai fini della fornitura del semplice servizio alberghiero.

Tutto ciò è stato ribadito dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali con un provvedimento adottato a seguito di una serie di accertamenti, con il quale ha vietato ad una catena alberghiera il trattamento dei dati raccolti illecitamente mediante il proprio sito.

Tale catena alberghiera, a differenza di quanto correttamente fatto per i moduli sottoposti ai clienti presso le sedi degli alberghi, non aveva messo a punto un modello on line di richiesta del consenso conforme alla disciplina della privacy. Il modulo presente nella scheda da compilare via web non consentiva, infatti, al cliente di esprimere un consenso libero e specifico al trattamento dei dati a scopo commerciale.

Oltre al divieto di trattamento i dati illecitamente raccolti, la società alberghiera dovrà individuare specifiche modalità per la richiesta del consenso per finalità di marketing.

Fonte: Garante per la protezione dei dati personali.

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.