privacy"Le società che si occupano di customer care, assistenza post vendita, prenotazioni di servizi, phone-banking non sono sempre tenute ad informare in maniera burocratica la clientela sull’uso dei dati personali".

"Possono non farlo quando trattano i soli dati necessari ad assicurare il servizio richiesto, o il cliente è già stato informato precedentemente, ad es. al momento della sottoscrizione di un contratto, o alcuni elementi dell’informativa possono emergere nel corso del colloquio telefonico.

Fornire l’informativa in questi casi costituirebbe un inutile appesantimento burocratico per le aziende senza garantire una effettiva tutela dei diritti dell’utente – che già sa a chi si sta rivolgendo e perché – oltre a comportargli un aggravio di costi. Se poi le società intendono utilizzare i dati anche per altri fini (ad es. di marketing o profilazione) allora devono informare l’utente e chiedergli un consenso ad hoc.

L’informativa da rendere all’interessato deve comunque essere fornita con formule sintetiche, chiare e di immediata comprensione, attraverso un operatore o utilizzando messaggi preregistrati o pubblicandola su un sito web.

É quanto stabilito dal Garante, in un provvedimento generale, di cui è stato relatore Francesco Pizzetti (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 285 del 7 dicembre) che riguarda le attività prestate in modalità "inbound", ossia a seguito di una chiamata dell’utente, effettuate anche attraverso canali completamente automatizzati.

Nel provvedimento, adottato anche tenendo conto delle richieste di chiarimento provenienti da una associazione di categoria rappresentativa di alcune società di call center, l’Autorità ha inoltre invitato le società che operano nella gestione dei servizi telefonici di assistenza e informazione al pubblico ad assicurare elevati livelli di professionalità nel trattamento dei dati ponendo specifica attenzione anche al profilo della loro messa in sicurezza.

In particolare il provvedimento ha sottolineato l’importanza di adottare adeguate cautele quando un medesimo call center si trovi a gestire contemporaneamente vari data base, con tipologie diverse di informazioni, per una pluralità di committenti. Per tale motivo, prima della stipula del contratto che affida in outsourcing il servizio deve essere effettuata un’attenta analisi delle implicazioni che il trattamento dei dati può comportare".

Fonte: www.garanteprivacy.it.

Ultimi aggiornamenti

libertà di pensiero online
La manifestazione del pensiero per la Costituzione Italiana L’art. 21 Cost. è la norma costituzionale principe e di ampia portata che tutela la libertà di manifestazione del pensiero, un principio cardine delle democrazie di stampo occidentale, che ha visto i propri esordi – in termini di […]
cookie policy
Dal 9 Gennaio 2022 sono entrati in vigore particolari adempimenti obbligatori in capo ai titolari di siti web in tema di cookie, previsti dal Garante Privacy. Non hai ancora aggiornato la cookie policy? Hai copiato l’informativa da qualcuno e non sai se è aggiornata? Non sai come gestire i cookie? Se non hai […]
“Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito […]”. Il dispositivo dell’art. 348 c.p. afferma che coloro che forniscono contenuti e servizi per i quali è necessaria una speciale abilitazione, in difetto dei requisiti di legge, possono […]
Maggiori tutele per i consumatori di servizi e contenuti digitali Il 1° gennaio 2022 avranno efficacia le disposizioni contenute nel D.lgs. n. 173/2021, in attuazione della Direttiva europea 2019/770, relativa ai contratti di fornitura di contenuto digitale e di servizi digitali. Le novità introdotte dal Codice […]
Evitare problematiche legali sul marchio Registrare un marchio è un onere, non un dovere. La differenza tra onere e dovere può sembrare un arcano (e lo è anche per alcuni tecnici del settore) ma, in estrema sintesi, consiste nella contrapposizione tra ciò che è obbligatorio a […]
smart working linee guida brunetta
Nuove linee guida per le PA sul lavoro agile Sono state pubblicate le tanto attese Linee guida, rivolte alle Pubbliche Amministrazioni, contenenti le indicazioni per l’allocazione e la gestione del personale in smart working. Non tutta la platea dei destinatari coinvolti si è dichiarata soddisfatta del […]