Sicurezza informaticaIl problema della sicurezza informatica diventa sempre più delicato e anche le istituzioni pubbliche intervengono progressivamente in materia finanziando nuovi progetti: ora è il turno di un progetto europeo.

I crimini informatici, infatti, sembrano in continuo aumento e stanno diventando sempre più sofisticati, per cui la lotta contro di essa appare sempre più difficile. Attualmente sono in essere diverse iniziative di monitoraggio che sono la vasta gamma di minacce alla nostra sicurezza in linea. Tuttavia, i dati così ottenuti non vengono facilmente condivisi perché viene sovente invocata la necessità di rispettare la confidenzialità di tali informazioni.

Considerando il quadro appena descritto, l’Unione Europea ha quindi deciso di finanziare un nuovo progetto nell’ambito del VII programma quadro ICT: WOMBAT (Worldwide observatory of malicious behaviours and attack threats).

Il progetto, coordinato da France Telecom R&D, coinvolge Symantec, Hispasec, Eurecom, NASK e la Technische Universität di Vienna. Esso è finalizzato a rendere disponibili nuovi mezzi per capire le minacce attuali e futuri all’economia e ai cittadini della Rete.

WOMBAT mira, in particolare, a sviluppare nuove tecniche per identificare e collezionare varie tipologie di malware (software progettato per infiltrarsi o per danneggiare un sistema informatico all’insaputa del proprietario), nonché ad analizzare i dati ottenuti per identificare il punto centrale da cui sono stati posti in essere gruppi di attacchi informatici.

I risultati del progetto verranno condivisi con i soggetti potenzialmente interessati (come Internet service provider, i CERT – Computer Emergency Response Team, ecc.), in modo da aiutarli a individuare le minacce più gravi e poter agire di conseguenza, dando priorità a quelle azioni e a quegli investimenti che possono migliorare la sicurezza su Internet.
Il progetto dovrebbe poi migliorare la consapevolezza della problematica tra i cittadini europei.

Il progetto è diviso in tre workpackages:

1) raccolta in tempo reale di dati grezzi inerenti la sicurezza;
2) analisi di tali dati;
3) identificazione e comprensione delle cause che hanno portato alle fattispecie studiate.

Maggiori informazioni: sito del progetto.

 

Ultimi aggiornamenti

email garante
Con il provvedimento n. 642 del 21/12/2023 il Garante Privacy ha emanato un documento di indirizzo denominato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati, con cui porta alla luce […]
I giorni 14 e 15 febbraio 2024 abbiamo avuto il piacere di partecipare come media partner all’evento di WMF AI Festival, presto condivideremo una serie di contenuti divulgativi sul tema delle AI, qui su diritto dell’informatica ed altri in collaborazione con l’Avv. Giuseppe Croari, improntati anche […]
ai intelligenza artificiale responsabilità azienda
L’ascesa vertiginosa dell’intelligenza artificiale (IA) ha portato con sé interrogativi fondamentali sulla responsabilità in caso di danni causati da algoritmi. Nel contesto aziendale, il dilemma principale si concentra su chi dovrebbe essere considerato responsabile: il programmatore, l’azienda o, in modo sorprendente, l’IA stessa?   La Teoria […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.