privacy-monitorLa profilazione, in linea generale, consiste nella memorizzazione e nella classificazione del comportamento. È, dunque, un trattamento di dati personali, il cui scopo consiste, per lo più, nel definire i gusti, le tendenze e le ideologie di ogni persona, in modo da indirizzare la produzione verso le preferenze delle maggiori tipologie di utenza nonché per personalizzare sempre più l’offerta di mercato. Grazie all’intervento del Garante della privacy, da oggi le società telefoniche dovranno attenersi a regole chiare e ben definite se vorranno utilizzare i dati dei clienti per attività di profilazione.

Nel corso di numerose ispezioni il Garante ha verificato una impressionante attività di profilazione fatta dai gestori telefonici senza il consenso degli interessati. In pratica i dati dei clienti sono stati usati per profilare le loro abitudini, conoscere le loro preferenze, analizzare le loro spese telefoniche e molto altro.

É per questo che il Garante, con un provvedimento generale che pubblichiamo qui su dirittodellinformatica.it, ha stabilito le regole alle quali ci si dovrà attenere per un corretto uso dei dati personali a fini di profilazione nel settore delle telecomunicazioni.

Il Garante ha ribadito innanzitutto che i dati non possono essere utilizzati per questi scopi senza un’adeguata informativa e senza l’esplicito consenso degli interessati.

Il Garante ha chiarito inoltre che le stesse regole valgono in generale anche per i dati personali trattati in forma “aggregata”. Tuttavia rispetto ai dati trattati in forma “aggregata” il Garante ha previsto che i gestori telefonici possano anche chiedere una specifica verifica preliminare, indicando le modalità del trattamento che intendono effettuare. Nell’ambito di tale verifica il Garante potrà valutare, caso per caso, se consentire tali trattamenti senza l’esplicito consenso degli interessati. Anche in questa ipotesi tuttavia dovrà essere data sempre una adeguata informativa ai clienti.

Infine il Garante ha dato tempo fino al 30 settembre prossimo affinché i gestori che già svolgono questa attività si mettano in regola, chiedendo al Garante la necessaria verifica.

Per le attività di profilazione che dovessero avere inizio dopo l’entrata in vigore del provvedimento, tutte le nuove regole dovranno essere immediatamente applicate.

Fonte: www.garanteprivacy.it.

Ultimi aggiornamenti

spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]
cookie policy generator iubenda privacy
Navigando in rete, è diventata sempre più alta la probabilità di imbattersi in siti web del tutto diversi fra loro – sia perché i gestori dei siti sono diversi, sia perché diversi sono i contenuti all’interno della pagina stessa – ma che hanno una Privacy & […]
e-commerce sanzioni direttiva omnibus
Il già ampio novero di strumenti legislativi previsti a tutela dei diritti dei consumatori (ed imposti agli eCommerce) è stato recentemente arricchito dall’entrata in vigore della Direttiva Omnibus (direttiva (UE) 2019/2161 che modifica la direttiva 93/13/CEE del Consiglio e le direttive 98/6/CE, 2005/29/CE e 2011/83/UE del […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.