spam.jpgIl Garante della privacy prosegue contro lo spamming: l’Authority ha infatti ribadito che anche se i dati sono estratti dalle Pagine Gialle, quando si usano sistemi automatizzati è obbligatorio il consenso dell’interessato.


Più specificatamente, il Garante ha vietato
l’ulteriore trattamento illecito dei dati personali a cinque società
che inviavano pubblicità tramite fax e posta elettronica senza il
preventivo consenso degli interessati.

In
tutti i casi il Garante è intervenuto a seguito delle segnalazioni da
parte di alcuni utenti che continuavano a ricevere e-mail e fax
indesiderati nonostante non avessero mai manifestato alcun consenso
all’uso dei dati.

Dagli accertamenti è risultato, infatti, che le
società ricavavano le informazioni personali da elenchi telefonici
"categorici"
(come le Pagine Gialle) e da registri pubblici, anche
tramite Internet, e inviavano sistematicamente lo spam. Le
società non richiedevano il consenso prima dell’invio dei messaggi
promozionali. Alcune di queste fornivano l’informativa con la richiesta
di consenso insieme alla pubblicità, contestualmente all’invio del
primo fax o e-mail che aveva già un contenuto di carattere commerciale.

L’Autorità
ha ribadito, invece, che quando si usano sistemi automatizzati per
inviare messaggi promozionali a scopo di marketing è comunque
necessario acquisire prima il consenso del destinatario
, anche quando i
dati siano reperiti dagli elenchi categorici o dagli albi pubblici. Gli
utenti avevano inoltre lamentato anche la concreta impossibilità di
opporsi al trattamento da parte di tre società, malgrado i diversi
tentativi di far cessare l’invio dei messaggi indesiderati. Il Garante
ha, dunque, prescritto a tre delle cinque società di predisporre le
misure idonee a rendere agevole ed effettivo l’esercizio dei diritti
dell’interessato, dando all’Autorità un documentato ed immediato
riscontro circa l’avvenuto adempimento.

Fonte: Garante per la protezione dei dati personali.

Ultimi aggiornamenti

libertà di pensiero online
La manifestazione del pensiero per la Costituzione Italiana L’art. 21 Cost. è la norma costituzionale principe e di ampia portata che tutela la libertà di manifestazione del pensiero, un principio cardine delle democrazie di stampo occidentale, che ha visto i propri esordi – in termini di […]
cookie policy
Dal 9 Gennaio 2022 sono entrati in vigore particolari adempimenti obbligatori in capo ai titolari di siti web in tema di cookie, previsti dal Garante Privacy. Non hai ancora aggiornato la cookie policy? Hai copiato l’informativa da qualcuno e non sai se è aggiornata? Non sai come gestire i cookie? Se non hai […]
“Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito […]”. Il dispositivo dell’art. 348 c.p. afferma che coloro che forniscono contenuti e servizi per i quali è necessaria una speciale abilitazione, in difetto dei requisiti di legge, possono […]
Maggiori tutele per i consumatori di servizi e contenuti digitali Il 1° gennaio 2022 avranno efficacia le disposizioni contenute nel D.lgs. n. 173/2021, in attuazione della Direttiva europea 2019/770, relativa ai contratti di fornitura di contenuto digitale e di servizi digitali. Le novità introdotte dal Codice […]
Evitare problematiche legali sul marchio Registrare un marchio è un onere, non un dovere. La differenza tra onere e dovere può sembrare un arcano (e lo è anche per alcuni tecnici del settore) ma, in estrema sintesi, consiste nella contrapposizione tra ciò che è obbligatorio a […]
smart working linee guida brunetta
Nuove linee guida per le PA sul lavoro agile Sono state pubblicate le tanto attese Linee guida, rivolte alle Pubbliche Amministrazioni, contenenti le indicazioni per l’allocazione e la gestione del personale in smart working. Non tutta la platea dei destinatari coinvolti si è dichiarata soddisfatta del […]