spam.jpgIl Garante della privacy prosegue contro lo spamming: l’Authority ha infatti ribadito che anche se i dati sono estratti dalle Pagine Gialle, quando si usano sistemi automatizzati è obbligatorio il consenso dell’interessato.


Più specificatamente, il Garante ha vietato
l’ulteriore trattamento illecito dei dati personali a cinque società
che inviavano pubblicità tramite fax e posta elettronica senza il
preventivo consenso degli interessati.

In
tutti i casi il Garante è intervenuto a seguito delle segnalazioni da
parte di alcuni utenti che continuavano a ricevere e-mail e fax
indesiderati nonostante non avessero mai manifestato alcun consenso
all’uso dei dati.

Dagli accertamenti è risultato, infatti, che le
società ricavavano le informazioni personali da elenchi telefonici
"categorici"
(come le Pagine Gialle) e da registri pubblici, anche
tramite Internet, e inviavano sistematicamente lo spam. Le
società non richiedevano il consenso prima dell’invio dei messaggi
promozionali. Alcune di queste fornivano l’informativa con la richiesta
di consenso insieme alla pubblicità, contestualmente all’invio del
primo fax o e-mail che aveva già un contenuto di carattere commerciale.

L’Autorità
ha ribadito, invece, che quando si usano sistemi automatizzati per
inviare messaggi promozionali a scopo di marketing è comunque
necessario acquisire prima il consenso del destinatario
, anche quando i
dati siano reperiti dagli elenchi categorici o dagli albi pubblici. Gli
utenti avevano inoltre lamentato anche la concreta impossibilità di
opporsi al trattamento da parte di tre società, malgrado i diversi
tentativi di far cessare l’invio dei messaggi indesiderati. Il Garante
ha, dunque, prescritto a tre delle cinque società di predisporre le
misure idonee a rendere agevole ed effettivo l’esercizio dei diritti
dell’interessato, dando all’Autorità un documentato ed immediato
riscontro circa l’avvenuto adempimento.

Fonte: Garante per la protezione dei dati personali.

Ultimi aggiornamenti

Prevenire furto, manomissione e cancellazione di dati Sempre più aziende si ritrovano a fronteggiare problematiche causate da comportamenti illeciti di dipendenti infedeli o fornitori che svolgono attività di concorrenza sleale; uno dei casi più frequenti riguarda il furto dei dati aziendali (che sia da un CRM o qualsiasi altro strumento informatico), arrecando all’azienda […]
crisi energetica bolletta 2022 contratto fornitore
Il periodo attuale non è certo il più propizio per chi esercita un’attività produttiva: la tua azienda è pronta a fronteggiare una possibile crisi energetica? O ancor peggio ad una crisi delle materie prime? Abbiamo ascoltato in queste settimane dai telegiornali possibili anticipazioni catastrofiche sull’aumento del […]
spid cns azienda
La pandemia da Covid-19 è stata un fattore propulsivo di un processo che era già in progressivo e rapido avanzamento: l’avanzamento digitale dei servizi delle Pubbliche Amministrazioni è infatti un obiettivo a lungo perseguito dal legislatore, europeo ed italiano. L’auspicio è quello, fra tutti, di snellire […]

Iscriviti alla nostra newsletter

i nostri social

Guarda i nostri video e rimani aggiornato con notizie e guide

Lo sapevi che per continuare a fare Smart Working in azienda bisognerà adottare degli accorgimenti entro il 30 giugno?

Le modalità per fare marketing si sono evolute di pari passo alle norme in tema di privacy, questo porta ad un binomio complesso: lead generation e privacy. Come fare contatti rispettando però il GDPR?

Il marchio oggi non rappresenta meramente un simbolo identificativo, ma diviene uno degli elementi fondanti della brand identity di un’impresa. La registrazione è fondamentale per tutela e VALORE del tuo business.