tarsu rifiuti denunce privacyL’amministratore di condominio non gli dà ascolto e al condomino arrivano due cartelle che gli impongono il pagamento della famigerata TARSU, la tassa sui rifiuti solidi urbani. E’ accaduto ad un inquilino milanese che, ritenendo scorretto ed arbitrario l’utilizzo dei propri dati personali, è ricorso al Garante per la protezione dei dati personali. Come mai?

Il fatto

La segnalazione era dovuta al fatto che l’amministratore di condominio ha trasmesso agli uffici del Comune il modello contenente la denuncia di “occupazione e detenzione di locali e aree” ai fini del calcolo e del versamento della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani riferito alla sua posizione tributaria. L’amministratore di condominio, però, non avrebbe tenuto in debito conto la sua intenzione – comunicata diversi mesi prima – di procedere direttamente a tale adempimento.

L’amministratore, dal canto suo, ha rappresentato all’Autorità di aver svolto lecitamente il trattamento dei dati del condomino in questione, dando esecuzione agli obblighi derivanti dal regolamento comunale, in particolare la compilazione di una scheda riepilogativa recante i totali dei dati raccolti, relativamente alle unità immobiliari del complesso abitativo.

La decisione del Garante privacy

Il Garante, pur riconoscendo l’effettiva liceità del trattamento posto in essere dall’amministratore, ne ha contestato il mancato rispetto del principio di correttezza. Se l’amministratore, infatti, avesse avuto cura di verificare che la dichiarazione del condomino era effettivamente già stata resa ai competenti uffici del Comune avrebbe evitato i disguidi poi effettivamente verificatisi.

Il Garante ha dunque prescritto all’amministratore di porre in essere, prima di espletare le procedure relative procedure di calcolo delle tasse, ogni scrupolosa verifica delle denunce già effettuate da parte degli occupanti dello stabile amministrato.

Ultimi aggiornamenti

cookie rtd privacy conservazione 2022
Rischio di sanzioni in tema Privacy per il 2022 La forte digitalizzazione degli ultimi anni – sia nell’ambito della Pubblica Amministrazione che nelle aziende private – ha determinato, da una parte, il sorgere di nuove figure, quali ad esempio il Responsabile per la transizione digitale e […]
auth code dns url
Recupero Auth Code e trasferimento del dominio Il nome a dominio consiste nella unione di lettere, numeri e altri caratteri speciali di cui l’utente che ne richiede la registrazione diventa legittimo titolare. Pertanto, quest’ultimo può svolgere una serie di attività con il suddetto, tra cui il […]
Novità sul controllo del Green Pass al lavoro La Camera dei deputati ha approvato definitivamente alcuni emendamenti, già passati al Senato, al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 127 del 2021 (in scadenza il 20/11/2021), decreto che aveva introdotto le attività di verifica del […]
kit green pass
DL n. 127/2021: il Green Pass e le misure organizzative del datore di lavoro Il 21 settembre 2021, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto-legge n. 127 che ha esteso l’obbligatorietà dell’uso del Green Pass anche al mondo del lavoro, a partire dal […]
L’obbligo di specificare i dati raccolti dalle app su Play Store Lo scorso maggio, Google ha annunciato una novità in tema di tutela degli utenti, in particolare in merito alla sicurezza dei loro dati e della loro privacy. Proprio come succede già sulla Piattaforma di iPhone […]