gdfI tanto contestati numeri con prefisso 899 suscitano ancora polemiche: essi sono stati utilizzati per compiere una maxi truffa ai danni di TIM. Vediamo i dettagli.

La truffa si basava su migliaia di ricariche telefoniche fraudolente poi “scaricate” con chiamate a numeri preceduti dal prefisso 899 creati ad hoc in modo da monetizzare il traffico sottratto illegalmente alla ben nota compagnia di telefonia mobile TIM.

In altri termini, il traffico contenuto nelle ricariche telefoniche veniva speso per chiamare i costosi numeri preceduti proprio dal suddetto prefisso.

Le indagini si sono protratte per oltre diciotto mesi e sono state condotte dal GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guardia di Finanza, dalla Squadra Mobile della Questura di Firenze e del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza.

Il GAT è il reparto specialistico della Guardia di Finanza deputato al monitoraggio della rete Internet per prevenire, ricercare e perseguire gli illeciti di tipo economico-finanziario.

In seguito alle indagini di cui sopra, 5 persone sono state arrestate in flagranza di reato, 6 persone sono state fermate e altre 29 sono state denunciate. Inoltre, sono state poste sotto sequestro 45 aziende di servizi nel settore delle telecomunicazioni, sono state individuate 10 società estere coinvolte e sono stati bloccati circa 70 conti correnti bancari per l’equivalente di ben 50 milioni di euro.

Il fatto che siano coinvolte anche società estere, però, renderà più difficile il recupero delle somme indebitamente sottratte.

L’operazione ha visto il coinvolgimento della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato su tutto il territorio nazionale ed è stata diretta dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. 153 le pattuglie coinvolte (per un totale di oltre 410 poliziotti e finanzieri in azione), che hanno dato luogo a 72 perquisizioni locali e domiciliari a Ancona, Arezzo, Firenze, Grosseto, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Rimini, Reggio Calabria, Roma, Torino e rispettive province.

Coordinati dal Comando delle Unità Speciali, le Fiamme Gialle hanno analizzato una notevole mole di tabulati, incrociato dati e informazioni eterogenee comunque utili, acquisendo – con l’ausilio del Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata (SCICO) – prove filmate delle attività criminali poste in essere da personale addetto alle pulizie negli stabili del Centro Direzionale di Napoli.

Appurato il perpetrarsi della truffa, TIM ha informato via SMS i propri utenti, invitandoli a diffidare di eventuali messaggi truffaldini che promettevano di far aumentare il credito disponibile con una chiamata diretta ad una numerazione telefonica a sovrapprezzo.

 

Ultimi aggiornamenti

auth code dns url
Recupero Auth Code e trasferimento del dominio Il nome a dominio consiste nella unione di lettere, numeri e altri caratteri speciali di cui l’utente che ne richiede la registrazione diventa legittimo titolare. Pertanto, quest’ultimo può svolgere una serie di attività con il suddetto, tra cui il […]
Novità sul controllo del Green Pass al lavoro La Camera dei deputati ha approvato definitivamente alcuni emendamenti, già passati al Senato, al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 127 del 2021 (in scadenza il 20/11/2021), decreto che aveva introdotto le attività di verifica del […]
kit green pass
DL n. 127/2021: il Green Pass e le misure organizzative del datore di lavoro Il 21 settembre 2021, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto-legge n. 127 che ha esteso l’obbligatorietà dell’uso del Green Pass anche al mondo del lavoro, a partire dal […]
L’obbligo di specificare i dati raccolti dalle app su Play Store Lo scorso maggio, Google ha annunciato una novità in tema di tutela degli utenti, in particolare in merito alla sicurezza dei loro dati e della loro privacy. Proprio come succede già sulla Piattaforma di iPhone […]
google agcm
Google nuovamente sanzionata da AGCM L’AGCM, Autorità del Garante della Concorrenza e del Mercato, con il bollettino n. 38 del 27 settembre 2021, ha sanzionato il colosso di Mountain View affermando che alcune clausole all’interno dei Termini di Servizio di Google Drive sono lesive dei diritti […]